Blog dedicato ai pendolari e ai viaggiatori della linea ferroviaria Udine - Tarvisio.
Sono decine di migliaia i pendolari che ogni giorno si devono spostare dalla loro città

per raggiungere il lavoro, il luogo di studio, e per tante altre necessità.
L'utilizzo dei mezzi pubblici, quando questi ultimi sono efficienti, garantisce una mobilità

ambientalmente ed economicamente sostenibile per tutti, migliorando la qualità della nostra vita.







sabato 26 novembre 2011

Progetto MICOTRA: treno Udine-Villach rinviato a giugno 2012

L'avvio del nuovo servizio ferroviario transfrontaliero Udine-Villach, denominato MICOTRA, che doveva entrare in servizio a dicembre 2011 è slittato di 6 mesi.
Si dovrà quindi attendere giugno 2012, con l'entrata in vigore del nuovo orario estivo, per vedere nuovamente collegato il Friuli ferroviario alla vicina Carinzia.
Il MICOTRA è un progetto finanziato dall’UE che prevede l’avvio della sperimentazione di un nuovo collegamento ferroviario transfrontaliero Udine-Villach, grazie a 4 corse quotidiane.
Un servizio di dimensione metropolitano che permetterà di collegare in maniera capillare e veloce l’area montana dell’Alto Friuli e la vicina Carinzia. Le stazioni servite lato FVG saranno: Udine, Gemona, Venzone, Carnia, Pontebba, Ugovizza-Valbruna, Tarvisio BV; sul lato austriaco invece i treni si fermeranno a Thoerl-Maglern, Arnoldstein, Villach Warmbad Hst, Villach Hbf.
I nuovi collegamenti saranno curati da FUC (Ferrovie Udine-Cividale) e OBB (Ferrovie Austriache) e permetteranno, come già anticipato,  di ricollegare l’Italia con la vicina Carinzia dopo i tagli effettuati da Trenitalia nel dicembre 2009.
Il servizio è particolarmente atteso dall’utenza, la quale vede con un certo interesse lo sviluppo del trasporto passeggeri lungo la Pontebbana, oggi largamente sottoutilizzata rispetto alle sue reali potenzialità.
Non conosciamo i motivi che hanno determinato lo slittamento dell’avvio del servizio e anche per questo ci confronteremo con la Regione Fvg e l'Assessore ai Trasporti, Riccardo Riccardi alla prossima riunione convocata per il prossimo mercoledì 7 dicembre, chiedendo le dovute informazioni al riguardo. Convinti della bontà e dell'utilità del nuovo servizio, manifesteremo la nostra disponibilità a supportare l’iniziativa, dando - in quanto possibile -  il nostro contributo pratico.
E’ evidente che la prospettiva del MICOTRA non è solo quella di aumentare la quota di mercato del servizio di trasporto ferroviario, ma di valorizzare una parte fondamentale dell’Alto Friuli, favorendo lo sviluppo socio-economico del nostro territorio.
Il servizio non sarà quindi gestito da Trenitalia, ma da FUC in sinergia con OBB, che per la prima volta forniranno un servizio passeggeri lungo la linea Pontebbana.
Essenziale sarà quindi pubblicizzare al massimo il servizio, garantendo la più ampia diffusione dei punti vendita autorizzati nell’ambito del territorio, usufruendo di tutti quelli attuali e delle biglietterie già presenti. Auspicabile sarà poi garantire l’acquisto dei titoli di viaggio a bordo treno alle medesime tariffe di quelle già esistenti, nonché prevedere un’integrazione con il sistema tariffario Trenitalia-Saf già in vigore lungo la tratta in maniera da poter rendere fruibile il servizio a tutti gli abbonati muniti di titolo di viaggio Trenitalia-Saf.
A tal fine abbiamo richiesto alla Regione alcune informazione, con particolare riguardo:
- alla tariffa prevista per i biglietti;
- ai punti autorizzati alla vendita dei titoli di viaggio;
- alla possibilità o meno di poter utilizzare gli attuali titoli di viaggio a tariffa integrata Trenitalia-Saf;
- al fatto se i servizi del MICOTRA verranno segnalati dal sistema informativo FS gestito da RFI.
Per quanto concerne gli orari, sembrerebbero state prenotate le seguenti tracce: al riguardo, con gli attuali orari abbiamo svolto le seguenti osservazioni:
Partenza
Arrivo
Osservazioni
Udine p. 6.55
Villach a. 8.49
L’orario di partenza garantirebbe la coincidenza con il RV n. 2842 proveniente da Trieste e con quella del RV n. 2822 proveniente da Sacile. Nessuna proveniente invece da Venezia.
Villach p. 9.40
Udine a. 11.34
L’orario risulterebbe ottimale, in quanto andrebbe a coprire la fascia mattutina oggi mancante, ritornando di fatto alla situazione del 2007 quando la fascia oraria in questione era garantita dal collegamento del R. 5963 (Tarvisio p. 10.27 – Udine a. 11.51).
L’arrivo del Micotra alle ore 11.34 permette poi la coincidenze per Trieste con il RV n. 2447 delle ore 11.57. Mentre più lontana appare la possibilità di interscambio per Venezia (RV n. 2457 p. 12.07).
Udine p. 17.15
Villach a. 19.09
E sicuramente la traccia che desta maggiori preoccupazioni, atteso che in 31 minuti si prevede la partenza ben 3 treni da Udine verso nord (Udine-Carnia R. n. 5986 p. 17.05 – Udine-Villach (Micotra) p. 17.15 – Udine-Tarvisio RV. n. 6030 p. 17.36).
Giova sottolineare che il R. n. 5986 serve tutte la stazioni da Udine a Carnia, il Micotra solo quelle da Gemona a Tarvisio e il RV 6030 tutte le stazioni fino a Tarvisio. 
La fascia oraria ha sempre destato problemi legati alla programmazione cadenzata dei treni. Nel 2007 i collegamenti erano infatti cadenzati: ore 17.00 Udine-Tarvisio, ore 17.30 Udine-Carnia e ore 18.02 Udine-Carnia. Nel 2008 si era passato: ore 17.00 – ore 17.15 – ore 18.15, per poi passare con l’orario estivo 2009: ore 17.00 - ore 17.19 – ore 8.15.
Dopo la richiesta di modifica del ns Comitato, con la quale si richiedeva il cadenziamento dei treni serali ogni 30 minuti, si è giunti all’attuale situazione, che viene ritenuta ottimale, visti i buoni flussi d’utenza e la domanda dei viaggiatori.
La partenza del Micotra alle ore 17.15 non consentirebbe nessuna coincidenza da Trieste, mentre sarebbe garantita la coincidenza proveniente da Venezia del RV n. 2832.
Villach p. 19.30
Udine a. 21.24
L’arrivo a Udine del treno alle ore 21.24 garantirebbe le coincidenze per Trieste dei treni R. n. 2837 delle ore 20.36 e del RV n. 2467 delle ore 21.56, mentre per Venezia l’unica coincidenza garantita sarebbe quella del RV n. 2477 delle ore 22.07.
resta fermo che il Comitato ribadirà che l’avvio del nuovo collegamento MICOTRA non dovrà in nessun modo comportare un taglio o modificare l’offerta del servizio Trenitalia lungo la linea Pontebbana; eventualmente si dovrà trovare il sistema per modificare gli orari in maniera tale da evitare che si accavallino tra loro.

1 commento:

Fabrizio ha detto...

Buongiorno, un'informazione:
queste corse su rotaia andrebbero a SOMMARSI a quelle attuali su gomma o a SOSTITUIRLE ?
Perchè, nella seconda ipotesi, la situazione giornaliera peggiorerebbe, invece di migliorare...
Grazie.